Un percorso tra Natura e Tecnologia


Gli esordi

Nasco come software developer (ufficialmente sono un perito informatico) appassionato da tempi non sospetti di tutto ciò che riguarda il mondo digitale e le sue mille oppurtunità.

Ho praticamente visto nascere internet (intendo l'internet che conosciamo oggi), vissuto la bolla economica della new economy, sviluppato progetti grandi e piccoli, occupato di ambienti sia client (web developer classico) che server (cioè tutto quello che della rete non è visibile).

Lavorato sempre e solo (salvo pochi casi) su sistemi e piattaforme open source: uso Linux dal '98 (almeno) come unico e solo ambiente sia per lavoro che per utilizzo personale.

Oggi come oggi sono un po' arrugginito, ma mi destreggio ancora con PHP, Javascript, Python, database (eh si, ovviamente anche con HTML e tutto quello che ci va dietro...)

Oggi posso considerarmi un full-stack developer, riuscendo a seguire a 360° i progetti che mi trovo a sviluppare.

Tuttavia, dopo aver lavorato per anni per diverse aziende nel settore IT ho deciso di seguire la mia passione, ovvero, l'ambiente e la natura.

Biosphaera

Mi sono perciò laureato in Scienze della Natura all'Università di Padova e già durante il percorso di studi ho fondato, insieme ad altri sei soci, Biosphaera s.c.s che da più di dieci anni lavora nel settore scientifico, turistico ed educativo.

In Biosphaera abbiamo unito buona parte delle nostre passioni e interessi ed oggi è una realtà ben consolidata che sforna servizi e progetti nel settore turistico, educativo e comunicativo, accumunati da pochi ma fondamentali principi: la sostenibilità ambientale, la conoscenza e la scienza.

Biodiversità e... pipistrelli

Iniziato quasi per caso, in seguito ad una prima tesi di laurea, ho approfondito numerosi aspetti del mondo animale con progetti in ambito faunistico riguardanti in particolare un gruppo di mammiferi poco conosciuto ma estremamente affascinante e coinvolgente: i pipistrelli (per essere precisi, i Chirotteri).

In questo settore sono riuscito a fare alcuni articoli scientifici e recentemente ho contribuito all'Atlante dei Mammiferi del Veneto.

Poi ho anche seguito visoni americani lungo i fiumi, cercato insetti, inseguito uccelli migratori.


Libro preferito?

Tom Sawyer, di Mark Twain: ce ne sarebbero tanti altri, ma scelgo sempre questo perchè mi ricorda l'infanzia e il mondo agricolo che mi ha plasmato.

Sport?

Volley. Il grande amore. Stop.